Vitigni: da Carmenère a Catanese nero

2 aprile 2012

CARMENÈRE

Origini
Vitigno a bacca nera, originario della regione francese del Médoc, a nord di Bordeaux. È coltivato in Friuli, Trentino e Veneto, dove è utilizzato per produrre un vino corposo e di buona gradazione alcolica. Fin dalla sua introduzione in Italia il Carmenère è stato spesso confuso con il Cabernet Franc e, ancora oggi, viene indicato con questa denominazione in molte DOC.

Caratteristiche del vino
Se ne ricava un vino robusto, alcolico, con uno spiccato sapore erbaceo.

Maturazione Medio-precoce, buona produttività, elevata vigoria.

Sinonimi: Cabernet, Cabernet grande, Cabernet Cosmo, Uva Francesca.

 

CARRICANTE

Origini
Il Carricante, vitigno a bacca bianca, è diffuso esclusivamente nella provincia di Catania, nella zona dell’Etna, specialmente sui versanti orientali e meridionali. Alcuni tentativi ottocenteschi di impiantare questo vitigno in altre province dell’isola non hanno avuto buon esito. Il nome sembra essere stato ideato dai contadini di Viagrande (Catania) che centinaia di anni fa hanno selezionato e coltivato questo vitigno per la sua grande produttività.

Caratteristiche del vino
Dalle sue uve, unificati in purezza o con altre uve siciliane quali Catarratto, Ansonica e Minella, si ricavano vini bianchi secchi e profumati, come il vino DOC Etna.

Maturazione
Matura verso la fine di fine settembre un abbondante e costante produttività e una buona vigoria.

Sinonimi Carricanti, caricanti, nocera bianca, catanese bianco.

 

CASAVECCHIA

Origini.
Vitigno a bacca nera coltivato in ristrette zone dei comuni di Pontelatone, Castel di Sasso, Formicola, e Liberi, in provincia di Caserta. E’ un vitigno di origine etrusca risalente all’epoca dei romani: Plinio parla dei vini Tribulanum serviti nella mensa dei patrizi romani e a Capri. Recentemente il vitigno è stato iscritto al Catalogo Nazionale delle Varietà. Il Casavecchia deve il suo nome alla “casa vecchia” di Pontelatone, un rudere dove fu per la prima volta ritrovata una vite di circa 100 anni che mostrò fin da subito una grande attitudine alla produzione di vini di qualità. Dal 2002 è stato riconosciuto nel disciplinare della Igt del Volturno

Caratteristiche del vino
Il vino ha un bel colore rubino con unghia violacea. Ha sentori di sottobosco, prugna, ciliegia, erba e spezie. Ha buone capacità di invecchiamento, rinforzate dal passaggio in legno.

Vigoria E’ un vitigno molto vigoroso ma di scarsa produzione.

Sinonimi Trebulanum

 

CASETTA

Origini
Al vitigno casetta è stata riconosciuta la denominazione d’origine controllata, come recita il decreto del 7 novembre 2006 pubblicato sulla GU. Secondo alcuni autori questo vitigno deriverebbe direttamente dalla domesticazione di viti selvatiche, mentre secondo altri sarebbe un lontano parente del petit verdot francese: attualmente è diffuso soprattutto nella bassa Vallagarina, nei soli comuni di Ala (TN) e Dolcè (VR). A distanza di quasi vent’anni da quei primi esperimenti, oggi il Foja Tonda è un casetta in purezza che esprime tutto l’orgoglio territoriale di questa “terra di passaggio” che è la fascinosa Valdadige: un vino di grande carattere, per comprendere e domare il quale ci sono voluti anni di prove, e al quale ancora adesso bisogna lasciare tempo.

Caratteristiche del vino
Fin da subito però regala profumi fruttati e speziati intensi e complessi, nei quali alla prugna e alla marasca si fondono la noce moscata, il pepe nero, la cannella, il tabacco, e soprattutto il muschio fresco, a sottolinearne la rustica scontrosità. Tutti sentori che si ritrovano amplificati in bocca, dove l’acidità naturale e i tannini sono addomesticati da una fermentazione malolattica completa e i profumi evolvono nel tempo in aromi terziari ancora più ampi.

Sinonimi Maranela

 

CASTIGLIONE

Origini
Vitigno a bacca nera, coltivato unicamente in Calabria, nelle province di Cosenza e Reggio Calabria. Non si conosce con esattezza la provenienza del Castiglione. Probabilmente si tratta di un vitigno di recente introduzione nel panorama ampelografico.

Caratteristiche del vino
Dalle sue uve, vinificate in purezza o in unione con altri due calabresi come la Prunesta, si ricavano vini corposi e di buona gradazione alcolica, tra cui il vino DOC Bivongi.

 

CATANESE BIANCO

Vitigno a bacca bianca, presente nella provincia di Trapani, ma in via di estinzione soprattutto a causa della sua spiccata sensibilità per la peronospora ed alle altre crittogame, nonostante il suo grappolo sia spargolo e la buccia spessa.
Il vino che genera è di colore giallo paglierino scarico, lievemente profumato, con aromi floreali, asciutto, sapido e di buon equilibrio.

 

CATANESE NERO

Vitigno a bacca nera coltivato unicamente in Sicilia, nelle province di Agrigento, Palermo e Trapani. Le sue uve, da sole o con l’aggiunta di altre uve siciliane, sia bianche sia nere, sono utilizzate per la produzione di vini da pasto rossi o rosati.

 

Autore: Tommaso Aniballi

www.cucinaconoi.it - Roma - C.F. 97553610581 - P.IVA 11328511008 - email info@cucinaconoi.it
Copyright © 2010 All Rights Reserved
This opera is licensed under a Creative Commons
Attribuzione Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Licenza Creative Commons