Crostata di ricotta e visciole

18 febbraio 2014
ricette d'autore
Dosi
1 stampo da 28-30 cm di diam
Difficoltà
Media
Preparaz.
15'
Cottura
20'
KCal
Alte
Costo
Medio

Ingredienti

Per la pasta frolla

500 g di farina

250 g di burro

200 g di zucchero

60 g di uova

40 g di tuorli

2,5 g di buccia di limone grattugiata

1,5 g di sale fino

0,25 g di vaniglia o vanillina

un pizzico di lievito chimico

 

Per il composto di ricotta  

600 g di ricotta di pecora

200 g di zucchero

2 uova

30 ml di liquore sambuca

 

Per la finitura del dolce

300 g di confettura di visciole

Preparazione

Per la pasta frolla

1. Setacciare la farina e disporla a fontana. Ammorbidire il burro e lavorarlo con la punta delle dita insieme alla farina, sbriciolando con il palmo delle mani verso la fine, in modo da ottenere un composto sabbioso.

2 Unire lo zucchero, gli aromi e il sale.

3. Ridisporre il composto a fontana, e versarvi al centro le uova e i tuorli battuti.

4. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo, senza lavorare troppo la pasta

5. Avvolgere la pasta con pellicola trasparente e lasciarla riposare in frigorifero per circa 30’ prima dell’utilizzo.

 

Per il composto di ricotta

Setacciare la ricotta ed amalgamarvi le uova e lo zucchero, ed aromatizzare con la sambuca.

 

Per il confezionamento e la finitura del dolce

  1. Stendere la pasta frolla con il mattarello, ad uno spessore di circa 5 mm, dandogli una forma circolare.
  2. Avvolgere il disco intorno al mattarello e srotolarlo su una teglia imburrata ed infarinata.
  3. Praticare sul disco dei fori con un rullo forasfoglia, o con i rebbi di una forchetta.
  4. Ricoprire la superficie della pasta frolla con un leggero strato di confettura di visciole.
  5. Effettuare un secondo strato utilizzando la crema di ricotta e livellare bene.
  6. Rimpastare i ritagli della pasta frolla utilizzata in precedenza, stenderli e ricavarne delle strisce con l’aiuto di una rotella tagliapasta.
  7. Sistemare le strisce sulla superficie della crostata formando un reticolo e sistemare bene i bordi.
  8. Cuocere in forno per circa 35 -40’ a 170 °C.

 

Note e consigli

a) Dolce tipico della cucina ebraico romanesca dal gusto particolare.
In sostituzione della confettura di visciole è possibile utilizzare la confettura di ciliegie, più facilmente reperibile.

b) In origine pare che al posto della confettura di visciole venissero utilizzate le visciole fresche denocciolate.

 

Ricetta dello chef A. Solillo

www.cucinaconoi.it - Roma - C.F. 97553610581 - P.IVA 11328511008 - email info@cucinaconoi.it
Copyright © 2010 All Rights Reserved
This opera is licensed under a Creative Commons
Attribuzione Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Licenza Creative Commons