Polenta pasticciata

6 febbraio 2015
Dosi
10-12 px
Difficoltà
media
Preparaz.
20'
Cottura
90'
KCal
alte
Costo
medio

Gli ingredienti della polenta pasticciata

Per la polenta

250 g di farina gialla bramata

250 g di farina gialla fioretto

2 l di acqua

2 cucchiai di olio ex. v. di oliva

sale grosso qb

 

Per il sugo di carne

1,6 kg di pomodori pelati

500 g di carne magra di manzo (o misto suino e bovino)

400 g di salsiccia fresca

25 g di funghi porcini secchi

100 g di cipolla

100 g di carota

100 g di sedano

150 g di vino rosso (facoltativo)

100 g di olio ex. v. di oliva

50 g di burro

sale e pepe

 

Per la finitura

250 g di mozzarella

150 g di parmigiano grattugiato

50 g di burro

Come preparare la polenta pasticciata

Per il sugo di carne

  1. Mettere ad ammollare i funghi in un bicchiere di acqua tiepida, dopodichè strizzarli e tritarli grossolanamente.
  2. Mondare le verdure e tritarle. Tagliare a carne in piccoli pezzetti o tritarla al tritacarne.
  3. In una casseruola scaldare l’olio, aggiungere il trito aromatico e lasciarlo appassire dolcemente.
  4. Unire la carne e fare rosolare a fiamma vivace girando spesso.
  5. Sfumare con il vino ed aggiungere i pomodori pelati schiacciati.
  6. Condire con sale e pepe e lasciare cuocere lentamente per almeno un’ora, mescolando di tanto in tanto.
  7. Scaldare il burro in una padella, versarvi i funghi e dopo qualche minuto aggiungere la salsiccia fresca sbriciolata. Rosolare e condire con un pizzico di sale e pepe.
  8. Togliere il sugo di carne dal fuoco ed aggiungere la salsiccia rosolata.

 

Note

a) La salsiccia e i funghi possono essere rosolati insieme alla carne di manzo

 

Per la polenta

1. Portare a bollore l’acqua in un paiolo di rame.

2. Aggiungere l’olio ed il sale, quindi versare lentamente a pioggia la farina bramata, mescolando continuamente con un bastone o cucchiaio di legno, in modo che non si formino grumi.

3. Dopo circa 10’ minuti di cottura aggiungere poco alla volta la farina fioretto e continuare la cottura a fuoco medio, sempre girando, per almeno altri 30’. Se durante la cottura la polenta tenderà a rassodare troppo, aggiungere poca acqua bollente.

4. La polenta sarà cotta quando avrà raggiunto una consistenza liscia ed omogenea e si staccherà facilmente dalle pareti del paiolo.

5. Dopo la cottura, rovesciare la polenta ancora calda su un tagliere di legno e farla raffreddare

6. Tagliare la polenta a fette dello spessore di ca 5 mm utilizzando un filo di cotone o un coltello

7 per maggiori informazioni guarda il video su come cucinare la polenta  

Note:

ricetta n° 2

300 g di farina gialla bramata

150 g di farina gialla fioretto

1 cucchiai di olio ex. v. oliva

1,5 l ca di acqua

Sale grosso qb

 

 Per la finitura

  1. Imburrare una pirofila dai bordi alti e tagliare a fettine la mozzarella.
  2. Rivestire il fondo della pirofila con le fette di polenta.
  3. Cospargere lo strato con qualche cucchiaiata di salsa, e guarnire con qualche fettina di mozzarella e poco parmigiano grattugiato.
  4. Proseguire allo stesso modo realizzando 3 strati. Terminare l’ultimo strato con solo salsa, formaggio grattugiato e qualche fiocchetto di burro.
  5. Cuocere in forno a 180°C per ca 25’.
  6. Far riposare il pasticcio per ca 10’ prima di servirlo.

 

Consigli & curiosità

a)     Utilizzare la polenta quando è tiepida, stendendola sulla pirofila con una spatola immersa di tanto in tanto in acqua calda.

b)    Esistono diverse varianti in Italia di questa preparazione, quella descritta è la polenta pasticciata alla ciociara. Altre varianti sono:

  • Polenta pasticciata alla romagnola: come quella ciociara, ma occorre sostituire il sugo di carne con salsa alla bolognese e la mozzarella con salsa besciamella;
  • Polenta pasticciata al gorgonzola: si prepara con fettine di formaggio e gorgonzola;
  • Altre varianti prevedono vari intingoli a base di funghi, spuntature, verdure, ecc.

www.cucinaconoi.it - Roma - C.F. 97553610581 - P.IVA 11328511008 - email info@cucinaconoi.it
Copyright © 2010 All Rights Reserved
This opera is licensed under a Creative Commons
Attribuzione Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Licenza Creative Commons