Polenta saracena in salsa di porri e funghi

3 ottobre 2013
ricette d'autore
Dosi
10-12 px
Difficoltà
Bassa
Preparaz.
20'
Cottura
45'
KCal
Alte
Costo
Basso

Ingredienti

Per La salsa di porri e funghi

500 g di porri

200 g di funghi porcini freschi o 20 g di funghi secchi ammollati

500 ml di latte

500 ml di panna

30 g di farina

40 g di burro

40 ml di olio ex. v. di oliva

Per la polenta

1 kg di patate

175 g di farina di grano saraceno

175 g di farina gialla (meglio fioretto)

40 g di burro

2,8-3 l di acqua

Sale qb

Per la finitura 

80 g di parmigiano grattugiato

Preparazione

Per la polenta saracena

1 Mondare le patate, tagliarle a pezzi irregolari e metterle nel paiolo con l’ acqua, quindi portarli a cottura.

2. Aggiungere il burro e le farine e cuocere a fuoco lento per circa 45’ mescolando spesso. Condire con sale

3. A cottura ultimata la polenta dovrà avere una struttura liscia ed omogenea e dovrà staccarsi facilmente dalle pareti del paiolo.

 

Per la salsa porri e funghi

1. Mondare il porro e tagliarlo a filanger. Pulire i funghi ed affettarli.

2. Porre in una casseruola bassa le sostanze grasse con il porro e lasciarlo cuocere lentamente, dopodiché unire i funghi e continuare la cottura per qualche minuto.

3. Aggiungere  la farina e subito dopo il latte e la panna, entrambi caldi.

4. Aggiustare di sale e continuare la cottura fino ad ottenere una salsa dalla consistenza cremosa

 

Per la finitura del piatto

1. Versare la salsa sulla polenta, cospargerla con il parmigiano grattugiato e servirla subito.

 

Note

a) Piatto tipico della gastronomia piemontese ed in particolare del cunese, ottima anche per accompagnare secondi piatti di carne cotte in umido,

b) E’ consuetudine servire la polenta saracena tagliata a fette, in questo caso occorre preparare una polenta molto più consistente (è sufficiente ridurre la quantità di acqua), versarla su un’asse di legno e dopo poco tagliarla a fette con il filo di seta.

c) La dosi di farina di mais e quella di grano saraceno variano a secondo del proprio gusto. Utilizzando una quantità maggiore di farina di grano saraceno si ottiene una polenta dal colore più scuro e dal sapore più rustico.

d) Rispetto alla farina di mais, quella di grano saraceno richiede una maggiore quantità di acqua.

e) E’ consigliabile passare le patate bollite al setaccio o allo schiacciapatate, in modo da conferire alla polenta una struttura più fine.

f) Per evitare di mescolare continuamente la polenta durante la cottura è possibile dopo i primi 10′ di cottura proseguire la cottura a bagnomaria e a recipiente coperto.

 

 

www.cucinaconoi.it - Roma - C.F. 97553610581 - P.IVA 11328511008 - email info@cucinaconoi.it
Copyright © 2010 All Rights Reserved
This opera is licensed under a Creative Commons
Attribuzione Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Licenza Creative Commons