Bibite zuccherate ed obesità

20 giugno 2012

succhi-di-fruttaPer un corretto comportamento alimentare.

Acque colorate, bevande a base di cola, caffè o succhi di arancia, frullati, tè freddo aromatizzato, bibite stimolanti, nel nostro mondo occidentale, e non solo, si beve di tutto, tranne l’acqua. La situazione è più grave in Messico e negli Stati Uniti dove queste bevande dolci, gassate e dolcificate, sono un’abitudine nazionale anche a tavola. Il consumo massiccio e irregolare di queste bevande favorisce non solo il sovrappeso e l’obesità, ma il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Quattro bambini americani su cinque e due adulti su tre bevono ogni giorno quantità elevate di bevande zuccherate.

Nella dieta di un americano medio il 7% dell’apporto calorico giornaliero proviene da queste bevande, il 32% dalle patate fritte, il 30% dalla birra. La percentuale di obesità nei bambini è già oltre il 17%, disegnando una vera emergenza sanitaria nazionale.

La guerra alle varie bibite dolci si combatte su più fronti: eliminare le bevande zuccherate e quelle dolcificate da scuola e luoghi di lavoro, lanciare campagne di informazione, come è stato fatto per il fumo, tassare i prodotti con più zucchero, per scoraggiarne l’acquisto, mettere un’etichetta di avvertimento se una bibita ha troppi zuccheri, convincere le industrie a diminuire drasticamente la quota di zuccheri e la dimensione di bottiglie e lattine.

L’obiettivo è una vera e propria disassuefazione al dolce, intesa come una dipendenza simile a quella delle sigarette e  di invogliare le persone al consumo dell’acqua come la scelta più naturale e salutare . Questa dipendenza come altre dipendenze, nei casi più gravi, deve vedere l’intervento dello psicologo come indispensabile per aiutare la persona a ritrovare l’equilibrio e la salute.

 

in collaborazione con www.psichesoma.it

www.cucinaconoi.it - Roma - C.F. 97553610581 - P.IVA 11328511008 - email info@cucinaconoi.it
Copyright © 2010 All Rights Reserved
This opera is licensed under a Creative Commons
Attribuzione Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Licenza Creative Commons